15 Giu

Il Bello delle Donne

Stefania Ferrario: “I’m a model. FULL STOP”.

tumblr_nhrmtdhDQF1rahd2fo1_1280

Care lettrici,

questa settimana voglio presentarvi colei a cui mi piace pensare come “la sindacalista delle modelle”: Stefania Ferrario.

Occhioni da cerbiatta, lineamenti delicati, un fisico da urlo ed una battaglia da combattere con forza e determinazione, insomma, il personaggio perfetto da cui trarre ispirazione!

Ma, chi è Stefania?

Stefania nasce a Camberra (Australia) da madre italiana e padre inglese (sembrerebbe che tutte le migliori donne hanno sangue italico che scorre nelle vene). Attualmente è il volto di una linea di lingerie di Dita Von Teese, ed ha già lavorato con Gok Wan.

Ciò che ci piace di lei è il suo tentativo di impegnarsi socialmente, infatti scrive:

“I shaved my head in 2012 to prove that bald is beautiful and to raise funds and awareness for cancer, alopecia and trichotillomania. Ever since I have kept my hair very short/ shaved. Women should be able to walk down the street bald and not feel self conscious!” (Mi sono rasata i capelli nel 2012 per provare che calvo è bello e per raccogliere fondi da donare alla ricerca contro cancro, alopecia e tricotillomania. Da quando tengo i capelli molto corti/rasati le donne dovrebbero riuscire ad andare in giro calve senza sentirsi inadatte).

tumblr_mn5r3zR0fX1rahd2fo1_1280

E già qui iniziamo a volerle bene, ma ecco qual è la sua nuova crociata a cui noi, Dressupperz con un cervello e uno stomaco, aderiamo con entusiasmo:

“I am also a model above a size 10 and positive body image is something that the fashion industry lacks as a whole. Women are surrounded by images they cannot relate to and this triggers all kinds of self esteem issues. We need women of all shapes, sizes and ethnicities to model!” (Sono inoltre una modella sopra la taglia 10 -42/44- e delle immagini positive riguardanti il corpo è ciò che manca all’industria del fashion. Le donne sono circondate da immagini che non le rappresentano e questo innesca tutti i problemi di autostima. Abbiamo bisogno di modelle di ogni forma, taglia ed etnia!)

Stufa marcia di essere etichettata come una modella plus size ha aderito all’hashtag #DropThePlus : ragazze di ogni taglia pubblicano foto orgogliose delle loro curve e dei loro corpi, in quanto è pericoloso definire chi sta sopra questa taglia come in sovrappiù (e per noi che abbiamo ancora sale in zucca anche vergognoso e degradante); Stefania infatti lamenta che tutte le modelle sopra la taglia 4 (38 in Italia) sono etichettate come plus size e che lei non è fiera di essere così definita, ma è fiera di essere chiamata modella; perciò  anche lei si è unita al motto lanciato dalla star della TV australiana Ajay Rochester: “I’m a model, FULL STOP!”, che si può tradurre con “Sono una modella. Punto e basta”.

tumblr_njxp7nJPvg1rahd2fo1_1280

Credo che chiunque si troverà d’accordo con me se mi permetto di asserire che:

Questo è più sexy

tumblr_mfxzkmHkyx1rahd2fo1_1280

Di questo

modelle-anoressiche-troppo-magre

Quindi dato che la ricerca di immagini di modelle taglia 38 mi ha causato terribili incubi questa notte – a parte l’immediato parallelismo che mi è saltato alla mente tra le loro foto e quelle che vengono esposte nelle giornata della memoria per non dimenticare l’olocausto – credo che per pranzo passerò dalla nonna al grido di: I’m a Woman, FULL STOP! 🙂

“be yourself, everyone else is already taken” O.Wilde