11 Mar

Designer

Rakkì

_DSC1317-Edit-2_prova1

 

The Naming of Cats is a difficult matter,
It isn’t just one of your holiday games”
(T.S. Eliot – The Naming Of Cats – 1939)

Traendo spunto dal poema di Eliot, Rakkì, è il nome che nessuna umana ricerca mai scoprirà, ma il gatto conosce e non confesserà.
L’idea nasce a Bologna dalla volontà di un gruppo di giovani di utilizzare il knowhow maturato dalle proprie esperienze professionali unito alle capacità di artigiani locali per ricreare l’ormai persa concezione di stile ed eleganza delle icone del passato, prestando estrema attenzione alla qualità dei materiali e alla cura dei particolari tipiche del made in Italy.

“Del gatto vorrei avere stile ed eleganza”.

Rakkì è una nuova realtà imprenditoriale del settore della moda e dell’artigianato italiano. Nei nostri laboratori sartoriali ci occupiamo di creare collezioni traendo ispirazione e forza creativa dalla crescente voglia di retrò come indice di qualità, lusso e design, seguendo stilisti ed artigiani in tutte le fasi di realizzazione.

Tutto questo si traduce nell’espressione che è alla base della nostra filosofia: “Fatto a regola d’arte”.

Foto 7

Negli storici laboratori situati sul territorio, seguiamo tutte le nostre creazioni in ogni fase di realizzazione. Confezioniamo ogni capsule sviluppando il disegno attraverso lo studio del bozzetto, la creazione del prototipo, il fitting, fino alla creazione del campione.

L’abbigliamento è, al tempo stesso, una scienza, un’arte e un sentimento. L’ammirazione e lo stupore che ancora ci coglie scegliendo il vintage è ciò che vorremmo trasmettere, dal cartellino scritto a mano al classico packaging chiuso con lo spago di canapa, al cubetto di cedro, che grazie al dolce aroma del suo legno veniva usato a protezione degli attacchi delle tarme.

In fondo è come lasciarsi affascinare da un album di fotografie, sentirsi l’audace possessore qualcosa di unico ed irripetibile.

_DSC1366

Rakkì nasce come laboratorio polifunzionale dedicato a un nuovo modo di lavorare nella fashion industry, con l’obiettivo di abbattere la meccanicità e la standardizzazione delle produzioni, sostituendola con la passione e la cura di ogni singolo capo.

Si dice che siano la vista e il tatto a fornirci le coordinate del mondo in cui viviamo. Per le nostre creazioni abbiamo scelto il cashmere più nobile e fine di prestigiose filature italiane, situate nello storico distretto di Biella, da sempre noto per le sue lane pregiate. Attraversando le sconfinate terre tibetane, acquisiscono solo cashmere che raggiunge livelli qualitativi di eccellenza e grazie ad una profonda conoscenza della tradizione tessile, esse trasformano questa preziosa fibra nel filato più pregiato.

Scegliamo di occuparci di piccole produzioni mantenendo così un accurato controllo sullo sviluppo e sulla produzione delle collezioni per mantenere la qualità delle lavorazioni a massimi livelli di eccellenza, indirizzate a quei consumatori sempre più attenti alla qualità e alla ricercatezza.

RAK-MAGKIN-GRI-0002

 

THE DRESSUPPER INTERVIEW

 

Chi sei?

Mi chiamo Paolo Petrungaro, sono l’ideatore e il fondatore di una nuova realtà che trova fondamento nella tradizione tessile italiana e nella volontà di un gruppo di giovani di utilizzare le proprie competenze professionali unite alle capacità di artigiani locali.

La tua vita in un tweet

Nulla di facile, niente di impossibile.

Qual è il nome del tuo Brand?

Il brand si chiama Rakkì e raffigura un gatto che indossa un papillon.

Qual è la storia del tuo Brand?

Tutto ha inizio da un perchè, da ciò che vorremmo trasmettere… Il gatto per natura o per istinto, esprime stile ed eleganza senza tempo. A questo punto, come scegliere il suo nome? Il nome giusto? A questa domanda rispose T.S. Eliot con il suo poema « The Naming of Cats », sostenedo che il gatto dovrebbe avere tre nomi differenti: il primo, amorevole, musicale, familiare; il secondo, unico e personale, che lo renda fiero e orgoglioso; ed infine il terzo, il vero nome, misterioso ed enigmatico. Rakkì è dunque il nome che il gatto sa, ma che mai confesserà.

Dove si trova la vostra fucina creativa?

Rakkì si basa sulla collaborazione, il coordinamento e il confronto tra designer emergenti e maestri artigiani del settore moda dell’Emilia Romagna. Ritengo di poter affermare che la nostra fucina creativa sia un percorso, che ha inizio nel nostro laboratorio di San Giovanni in Persiceto e che prosegue nelle sue fasi di crescita e sviluppo nei laboratori satelliti dell’intera filiera, valorizzando così, particolari e dettagli di lavorazione per ogni nostra creazione.

Dove vengono prodotti i vostri capi?

Ogni capo è realizzato interamente in Italia nei laboratori sartoriali situati nelle province di Modena e Bologna, dove ogni fase di realizzazione viene eseguita secondo la passione e l’esperienza di maestri artigiani, con l’obiettivo di mantenere la qualità delle lavorazioni ai massimi livelli di eccellenza. Tutto ciò è alla base della nostra filosofia: “Fatto a regola d’arte”.

Definisci in 3 parole lo stile di Rakkì Wear.

Retrò, vintage, cult.

Come si inserisce Rakkì Wear nella moda di oggi?

Il vintage è uno stile di abbigliamento che oggi risulta essere apprezzato e indossato da persone di tutte le età. La riscoperta di pezzi con una storia, un passato anche lontanissimo, che possono ritornare ed essere amati nuovamente, ha dato una nuova valenza al concetto di stile. Nella moda di oggi è la crescente voglia di retrò a spingerci nel ricreare l’ormai persa concezione di stile ed eleganza delle icone del passato, prestando estrema attenzione al pregio dei materiali e alla cura dei particolari, rivolgendoci a quei consumatori sempre più attenti alla qualità e alla ricercatezza, a coloro che amano sentirsi l’audace possessore di qualcosa di unico ed irripetibile, di un cult senza tempo.

Cosa non indosseresti mai (neanche sotto tortura)?

Sono convinto che tutto dipende da come si portano le cose e da come le si abbinano, spesso ciò che ieri non avremmo mai indossato diviene oggi un articolo di stile amato e ricercato.

Nel tuo armadio non mancano mai…

Credo che un guardaroba funzionale debba prevedere una gamma base di capi che siano di qualità e versatili, da poter combinare fra loro. Il nostro armadio dovrebbe essere composto prevalentemente da capi classici, i cosiddetti “evergreen”: passano le mode ma loro restano elementi preziosi del nostro abbigliamento. Ad esempio per le occasioni informali non mancano mai: un paio di intramontabili jeans ; una t-shirt bianca sempre versatile e abbinabile ed un cardigan,  blu o nei toni dal sabbia al cammello.

Se dovessi scegliere un periodo storico « dal punto di vista dello stile », quale sceglieresti?

Inghilterra, inizi dell’Ottocento, dove nasce lo stile Dandy prettamente dagli uomini per gli uomini. In un tempo in cui l’omologazione della moda maschile è soffocante e annoia si inizia a voler fare la differenza. Caratterizzato da raffinati ma sobri abiti e completi dalle basiche tonalità, divenne il dettaglio il punto di forza distintivo. Infatti doveva essere colorato, in contrasto, eccentrico, trasgressivo, allo stesso tempo démodé ma sempre ben curato.

Dimmi l’abbinamento cromatico perfetto.

Ritengo che un abbinamento cromatico si possa definire perfetto  solo considerando  la situazione, il luogo, il tempo e l’occasione. Ad esempio durante un pomeriggio d’autunno, caratterizzato da un sole basso e da un paesaggio dai colori pastello, abbinerei grigio, sabbia e tabacco.

Qual è il tuo motto? 

« Qualunque cosa tu possa fare o sognare di fare, incominciala! L’audacia ha in sé genio, potere e magia»

Perchè hai scelto THE DRESSUPPER™ ?

E’ un progetto interessante, innovativo, elegante e ben curato. Apprezziamo molto la possibilità che concedete a brand e designer emergenti di farsi conoscere tramite un nuovo concetto di shopping online.

Grazie, Paolo.

foto team_

 


 

“The Naming of Cats is a difficult matter,
It isn’t just one of your holiday games;”
T.S. Eliot – The Naming Of Cats – 1939

We draw inspiration from Eliot’s poem. Rakkì is a name. It will always remain a mystery to the human mind, but the cat knows it and will protect its secrets.

The idea was born in Bologna on the will of a young people group to use the know-how gained from their professional experience, combined with the local artisans skills, to recreate the past’s icons now lost concept of style and elegance. We pay attention to the quality of materials and care of details typical of the made in Italy.

“I wish I had the cat’ s style and elegance”:

Rakkì is a new entrepreneurial world of fashion industry and Italian craftsmanship.
In our dressmaker’s workroom we take care of creating collections drawing our inspiration and creative strength from the growing of retro as an index of quality, luxury and design, following designers and craftsmen at all stages of carrying out.

This is our philosophy: “Done to perfection”

_DSC1358

In the historical tailors within the territory, we follow all our creations in every stage of implementation. We pack every capsule working out the pattern through the study of the sketch, the creation of the prototype, fitting, until the creation of the sample.

Clothing is a science, an art, a feeling at the same time.

The admiration and amazement that still catches us by choosing the vintage is what we would like to pass. From the hand written card to the classic packaging closed with hemp twine, to the cedar cube, that thanks to the sweet aroma of his wood was used against moths. After all is like to be fascinated by the picture, to fell the bold possessor of something unique and unrepeatable.

Rakkì is a company that today has become a multipurpose lab dedicated to a new way of working in the fashion industry, with the aim of breaking the mechanical and standardization of production, replacing it with the passion and care of each item.

Foto 4

You say are the sight and touch to give us the coordinates of the world we live in. For our creations we have chosen the noblest and finest cashmere of the Italian prestigious spinning mills located in the historic district of Biella, it has always been known for its fine wools. They acquire only the cashmere reaching standards of excellence through the endless Tibetan land. Thanks to a depth knowledge of the textile tradition they transform this precious fiber in the finest yarn.

We choose to deal with small production maintaining an accurate control over the development and collection’s production to maintain the manufacturing quality at the highest levels of excellence, aimed at those consumers increasingly attentive to the quality and refinement.