07 Mag

Il pranzo di Meri

United Colors – Pink

copertina

Il colore è luce.

È la luce che la vita, la natura, le cose riescono ad assorbire per mostrarsi al mondo nella loro bellezza.

Ma il colore non è solo questo. Il colore è anche entità, identità e significato.

Riusciamo a definire meglio le parole, grazie ai colori.

Ed ecco che un blocco di persone incazzate diventano black bloc.

Le ragazze del college di Grease le Pink Lady.

Un dress code, il White.

La speranza verde, il colore dell’amore il rosso.

Non a caso il colore dei diritti LGBT non è uno solo, ma è un arcobaleno, atto a mostrare che avvolge i diritti di tutti.

Il bianco e il nero, ossia l’assenza e la totalità del colore sono portati ad esempio per spiegare due situazioni estreme.

Alda Merini diceva che i colori maturano la notte, quasi a sottolineare che il tempo ci forgia.

Al tempo stesso una vita senza colore è una vita vuota, prima di significato.

E allora riempiamola con tutti i colori possibili, tutti quelli che conosciamo e oltre.

Oggi per il mio piatto ho voluto utilizzare una sola nuance di colori, cercando di interpretare Sophie Calle nella sua opera artistica Chromatic Diet per vivere al meglio il cibo e assaporarne le combinazioni derivanti dall’utilizzo della cromoterapia.

Tartare di Tonno

vassoio3 copia

Ingredienti

100gr di tonno

100gr di barbabietola

10gr di lamponi e more

Tartare di Salmone

vassoio2 copia

Ingredienti

100gr di salmone

50gr di pompelmo rosa

1gr di zafferano

Preparate le due tartare tagliano al coltello il pesce e gli altri ingredienti.

Condite con olio EVO, Sale rosa dell’Himalaya e peperoncino.

Per la tartare di salmone, aggiungere all’olio un filo di acqua dove avrete precedentemente messo lo zafferano.

Da bere? Ovviamente un rosé.

Se volete esagerare, vestitevi a tema.