maggio 2016 - The Dressupper Journal
30 Mag

Yes, please; No, thanks!

Yes and No: nuovo appuntamento!

Background-sartoria

Yes, please! Pur non essendo presenti in tutte le nuove collezioni, si vedono spuntare qua e là dettagli hand-painted (dipinti a mano) che sono certo saranno super in voga l’anno prossimo. Come d’altronde succede con ogni nuovo trend, che viene prima sperimentato dai designer più audaci e se riscontra successo tra i buyers nelle stagione […]

23 Mag

Yes, please; No, thanks!

Yes and No: la moda influisce sulla società?

o-HILLARY-facebook

Yes, please! L’altro giorno, leggendo Vogue Nederland, mi è venuto da riflettere su una cosa. In copertina ho trovato scritto a caratteri cubitali il nome di Hillary Clinton, sotto, qualcosa nella lingua locale che (purtroppo!) non capisco. Sono andato a cercare all’interno l’articolo in questione, con tanto di foto (molto elegante e rispettosa, stiamo parlando […]

Grazie a La Provincia di Varese per questo interessante articolo che parla della nostra partecipazione ai Netcomm Award 2016! “C’era anche la start up varesina The Dressupper di Gallarate tra le imprese finaliste ieri sera al teatro Principe di Milano per la cerimonia del Netcomm Award Party. Organizzato dal consorzio Netcomm, il concorso ha assegnato […]

19 Mag

Fashion outsider

Alan Crocetti: eleganza androgina

alancrocetti1

“Le cose che possiedi alla fine ti possiedono.” (cit.Fight Club) Per la rubrica fashion Outsider, ci troviamo anche oggi alla ricerca di collezioni sorprendenti, nuove, particolari ed è per questo che abbiamo deciso di parlare di uomini vanitosi e dei loro gioielli, non siate banali o maliziosi già vedo il sorriso sotto i vostri baffi… […]

19 Mag

Movie, she wrote

The Boy: tanti motivi per non vederlo

maxresdefault

Per la regia di William Brent Bell (che non ha mai particolarmente brillato) e la sceneggiatura dell’esordiente Stacey Menear, The Boy non si distingue certo per l’originalità, anche solo a vedere il trailer: siamo ormai assuefatti da bambole inquietanti, bambini allarmanti e case stregate, ma spesso un film può essere bello anche se non parte […]